Autore Topic: Strappo retto femorale che non guarisce...  (Letto 3343 volte)

Offline Dadina95

  • utente appena iscritto
  • *
  • Post: 1
Strappo retto femorale che non guarisce...
« il: Settembre 10, 2013, 03:10:33 pm »
Salve dottore,
Sono una ragazza di 18 anni che a metà Gennaio si è procurata un antipatico strappo muscolare al retto femorale durante un allenamento di pallavolo, sport che pratico a livello agonistico (serie d).
Inizialmente, credendo che il dolore alla gamba dx fosse semplice "acido lattico" dovuto all'inattività delle vacanze di natale, ho sottovalutato la cosa e continuato l'allenamento nei giorni seguenti.
Quando mi sono resa conto che non poteva essere acido lattico, ho prenotato una visita dal medico sportivo, che con un'ecografia ha rilevato lo strappo.
Mi ha prescritto il riposo per un mese, l'utilizzo di particolari cerotti medicati, e l'applicazione la sera di una borsa col ghiaccio alternata a una con l'acqua calda.
Così da Febbraio ho interrotto qualsiasi tipo di attività sportiva, persino l'educazione fisica a scuola.
I rimedi proposti tuttavia non davano alcun sollievo, così prendevo tutti i giorni mezza bustina di oki la mattina, e l'altra mezza la sera, per alleviare il dolore che mi impediva addirittura di dormire.
Mi sono poi rivolta a una fisioterapista, che ha lavorato sulla mia coscia per circa 40 giorni con sedute di magneto, laser, e tecarterapia... Continuando sempre a prendere bustine per lenire il dolore, più raramente durante il giorno, ma più spesso la notte. Arrivato Aprile, ed esaurito il ciclo di terapia, ho aspettato una ventina di giorni e poi mi sono iscritta in piscina. Ho frequentato un corso che prevedeva 30 minuti di nuoto, 15 di hidrobike e 5 di acquagym... E dopo sole due lezioni, mi si è ripresentato il dolore che prima invece era quasi totalmente scomparso, e mi sono trovata costretta a riprendere l'uso delle bustine di oki come analgesico.
Ho lasciato trascorrere Giugno e Luglio senza fare nulla, ma il dolore non accennava non solo a scomparire, ma nemmeno a diminuire... Per cui ho ricontattato il medico, al quale ho parlato anche della mia iniziativa di fare della fisioterapia.. A quel punto, dopo avermi ribadito che l'unica cosa che potevo fare era stare a riposo, ha criticato anche il fatto che avessi fatto della fisioterapia, cosa di cui non riesco a percepire il motivo. Comunque, sotto consiglio dei miei genitori ho ricontattato la fisioterapista e abbiamo ripreso, da circa 25 giorni, la magneto, laser e tecarterapia, tutti i giorni (feriali) per circa 2/2h30 al giorno, e ho dovuto interrompere l'uso di oki o altri farmaci analgesici a causa di una specie di reazione allergica da sovraccarico di medicinali diagnosticatami dal medico di famiglia.
Ora, io non so come fare perchè stando a quanto dice la fisioterapista, la coscia è ormai pulita, l'edema è scomparso e l'infiammazione è ridotta a uno stato veramente minimo.
Quello che io mi chiedo, è per quale motivo, allora, continuo ad avere così tanto dolore da svegliarmi molto spesso nel cuore della notte, o addirittura da non riuscire a prendere sonno. Trovo faticoso e mi causa dolore (il giorno dopo)persino andare a ballare il sabato sera o indossare le scarpe con i tacchi quando vado alle feste, o persino camminare per tragitti non proprio lunghi...
Sono davvero disperata, non riesco a capacitarmi di come sia possibile avere tanto dolore nonostante i trattamenti e a distanza di tempo... Cosa dovrei/potrei fare?

Cordiali saluti, e la ringrazio anticipatamente, anzi mi scuso per averla tediata con una descrizione così infinitamente lunga della mia situazione.
Grazie davvero, aspetto una sua risposta :'(



Offline dr. Massimo Defilippo

  • Amministratore
  • utente leader
  • *****
  • Post: 1570
  • Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista
    • Fisioterapia Rubiera
Re:Strappo retto femorale che non guarisce...
« Risposta #1 il: Settembre 14, 2013, 12:36:15 am »
Dadina95,
eviterei di fare altra fisioterapia, a questo punto ci vuole della terapia manuale o posturale per capire l'origine del problema che non può più essere lo strappo.