Autore Topic: Protusioni e Metodo Mc kenzie  (Letto 15030 volte)

Offline rikibirikino

  • utente appena iscritto
  • *
  • Post: 6
Protusioni e Metodo Mc kenzie
« il: Febbraio 24, 2011, 01:13:39 pm »
Buon Giorno Dottore.
Mi chiamo Riccardo ho 43 anni abito  in provincia di Arezzo,mi occupo di riparazioni varie elettro idrauliche e mi capita molto spesso di alzare pesi fino a 30-40 kg
Cercando in rete ho trovato il Suo sito e Le Sue magnifiche spiegazioni dove spiega tutto quello che cè da spiegare in problemi come il mio.Complimenti.
Le cerco di spiegare il mio problema.3 mesi fà dopo uno sforzo alzando circa 25-30 kg per alzare una pompa da terra ho sentito un dolorino alla schiena non gli ho dato peso e ho continuato a lavorare dopo 2 giorni facevo un lavoro che mi abbassavo e alzavo continuamente x 4 ore,cercando di non piegarmi ma di andare verso il basso piegandomi sulle ginocchia.
Finito il lavoro non avevo nessun dolore,mi sono seduto e dopo 10 minuti alzandomi ho sentito un forte dolore dietro alla schiena lato destro.A fatica sono andato  a casa e il mio dottore mi ha diagnosticato una lombo sciatalgia .Quindi riposo punture di Feldene e muscoril per 9 giorni.Il dolore non passava anzi camminando per casa sono caduto 2 volte non sentendo più la gamba destra.Tra il sabato e il lunedì il dolore si è spostato tutto a sinistra il dottore è tornato, io non camminavo quasi più,mi ha prescritto 3 iniezioni di Bentelan da 4mg.Il dolore si è attenuato ma è rimasto ho fatto una RM e nel referto c'è scritto questo:
Ridotta la fisiologica lordosi lombare.
Segni di disidratazione del disco intersomatico L1-L2 che appare moderatamente ridotto di spessore,senza evidenti protusioni discali.
A livello L2-L3 modesto Bulging posteriore del disco intersomatico con impronta sulla superficie anteriore del sacco durale.
Bulging del disco L4-L5 con iniziale impegno delle porzionibasali di entrambi i forami di coniugazione ed impronta sulla superficie anteriore del sacco durale .
Nei limiti lo spazio L5-S1
Non evidenti alterazioni di segnale a carico del cono midollare e delle radici  della cauda equina.
Regolare l'ampiezza del canale vertebrale nel tratto esaminato.
Presenza di piccolo angioma del corpo vertebrale di L1

Nella mia zona purtroppo non ci sono persone molto colte su questi problemi e mi sono indirizzato verso Firenze da un dottore Fisioterapista  che lavora  il quale ha analizzato il caso mi ha visitato ed ha usato metodi McKenzie con Estenzioni da prono scivolamento laterale,estenzioni all'indietro stando in piedi e mobilizzazione della schiena manualmente.
Tutto questo non dà nessun risultato,il fisioterapista mi è stato indicato come l'unico sulla piazza Fiorentina a poter risolvere questi casi sia dai pazienti che da altri medici.
Gli esercizi Mc Kenzie nella maggior parte delle volte 9 su 10 mi accendono il dolore cioè facendo le estenzioni da prono,bocconi sul lettino per intenderci,avverto il dolore dal gluteo sinistro fino al polpaccio anzi al tendine di achille dopo la  4°-5° estenzione,e fino sotto il piede.I primi due giorni c'era un miglioramento ma poi una ricaduta.Sospendemmo e iniziai a fare gli scivolamenti laterali,mano sul fianco sinistro e portare il bacino verso destra,pareva che tutto andasse per il meglio ma dopo 2-3 giorni c'era di nuovo un peggioramento.Il fisioterapista era confusissimo.Dopo di chè decidemmo di fermarci per una settimana con gli esercizi.Provammo con la mobilizzazione manuale 3 volte in una settimana,ma il risultato non cambiava .Poi il dottore è andato a bologna per un corso su questi problemi il 5 febbraio e da quella data ci siamo sentiti ieri.Riconfermando i miei problebi mi consigliato di sentire una "nuova campana" Un Algologo per farmi fare delle infiltrazioni di cortisone .
Il mio Problema è stato nominato "Fluttuante"Oggi ho un dolore se mi muovo in un certo modo domani muovendomi nello stesso modo non ho dolore la situazione non è statica nè sempre uguale e lui non ha saputo darsi una spiegazione e non ha trovato una risoluzione.Queste sono le sue parole.E' stato molto onesto ha cercato di aiutarmi ma non c'è riuscito.

Io ho dolore che parte dalla parte bassa della schiena centralmente e spostato verso sinistra, dolore al gluteo che scende nella coscia internamente e poi al polpaccio .Sotto il piede lo sento e non lo sento .Molte volte lo sento anche sotto il piede per brevi periodi che possono andare da pochi secondi a 4-5 minuti poi scompare magari non lo sento per giorni oppure dopo 1 ora è di nuovo presente.Avverto anche formicolii dalla coscia fino al piede ma questi sono rari.Se mi piego per lavarmi i piedi avverto dolore che scende dal gluteo fino al polpaccio ma non sempre.
Se porto un peso di 5 kg non ci sono effetti,se di 7-8 kg si accende un bruciore interno alla gamba che parte dal gluteo fino sotto il piede e passa solo dopo 30 minuti.
Solo 2 sere fà  sono riuscito a far passare questo dolore facendo estenzioni da prono ma dopo 1 ora il dolore era di nuovo presente,ho ripetuto l'esercizio ma non ho avuto miglioramento.
Ieri sentivo come dei bruciori in superficie sul polpaccio e sulla gamba a forza di grattarmi mi sono spellato il polpaccio .Stando seduto nel 90% delle volte tutto si allevia e tutto torna quando faccio 4 passi per casa.Secondo il fisioterapista camminando le vertebre dovrebbero ottenere un "massaggio"io dopo 10 minuti sono stanchissimo devo fermarmi dal dolore e dalla stanchezza.
Prima di avere questi problemi 1 giorno sì ed uno no correvo per 11 km in 1 ora.Sono abituato a camminare.Inoltre da 6-7 giorni sento dolore anche all'anca sinistra .
Oggi ho anche dei formicolii gamba e polpaccio magari domani no!Il dolore si stà spostando verso il gluteo destro,praticamente da dove era partito.

Lo sò la mia situazione non è facile da interpretare.
Dottore non sò più cosa fare e neppure dove andare e a chi rivolgermi sembra un caso difficile che nessuno voglia prendere in mano.


Se Vuole  posso telefonarle per spiegare meglio il caso,sempre se Le interessa perchè Tutti sono incuriositi ma nessuno lo vuole affrontare.

Beh io mi scuso per averle rubato del tempo ma sarei Curioso di avere una Sua risposta anche breve ma per capire cosa può essere successo.

La Ringrazio e Le Auguro Buona Giornata Riccardo
« Ultima modifica: Aprile 28, 2014, 09:01:04 am da dr. Massimo Defilippo »



Offline dr. Massimo Defilippo

  • Amministratore
  • utente leader
  • *****
  • Post: 1572
  • Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista
    • Fisioterapia Rubiera
Re: Protusioni e Metodo Mc kenzie
« Risposta #1 il: Febbraio 25, 2011, 12:31:04 am »
Riccardo,
da quello che scrivi immagino che hai sentito più di un medico, tra cui specialisti come fisiatri e ortopedici, giusto?
Premesso che una lombosciatalgia da bloccare a letto non dovrebbe venire dal nulla solo per aver sollevato un peso di 30 kg.
Mi spiego meglio, credo che tu avessi già avuto mal di schiena prima oppure che fossi predisposto per aver subito incidenti stradali, forti traumi, fartture, interventi chirurgici ecc.
Ora, è fondalmentale sapere se hai perso la forza, la sensibilità e i riflessi.
Il dolore arriva all'alluce o si ferma all'avampiede (la parte del piede più vicina alla caviglia per intenderci)?
Quando ti siedi e ti sdrai il dolore passa completamente o migliora molto?
Di notte ti svegli dal dolore?
Hai perso peso inspiegabilmente nell'ultimo periodo?

Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista

« Ultima modifica: Aprile 28, 2014, 09:04:11 am da dr. Massimo Defilippo »

Offline rikibirikino

  • utente appena iscritto
  • *
  • Post: 6
Re: Protusioni e Metodo Mc kenzie
« Risposta #2 il: Febbraio 25, 2011, 02:15:46 am »
Grazie Dottore per il Suo interessamento al caso,non ho avuto mai mal di schiena questa è stata la prima volta,non ho avuto incidenti stradali nè forti traumi.18 mesi fà mi sono operato alla spalla sinistra sovraspinato e ricostruzione di cuffia.
Dalla visita del fisioterapista che mi ha "abbandonato"risulta che i riflessi la sensibilità e la forza non sia cambiata .
Il dolore all'alluce l'ho sentito 2-3 volte solo quando sollevo pesi da 6 ai10 kg.Lo sento sotto il piede,più avanti del tallone e sulla caviglia.
Se mi siedo e mi sdraio il dolore passa fino ad esaurirsi alcune volte,altre volte per farlo passare da seduto devo mettere il piede sinistro sotto i glutei (non lo faccio più il fisioterapista mi ha sconsigliato però è un ottimo anestetico)da sdraiato quando ho molto dolore devo alzare le ginocchia per 5-10 minuti e il dolore si attenua molto quasi a scomparire anche se rimane sempre sul gluteo poco poco ma lì lo sento sempre.Comunque da seduto il dolore non mi dà noia e mi passa.
La notte dormo benissimo il dolore non mi ha mai svegliato,per dormire non ho mai preso antidolorifici.
Non ho perso peso anzi devo stare attento a non prenderli peso 70 kg e sono alto 170cm.
I 30 kg sollevati non avranno di certo causato questa condizione ma come hanno detto altri medici il tipo di lavoro da me svolto e non aver rispettato dei tempi di recupero tra dei sollevamenti di pesi ,la sommatoria di queste cose potrebbe aver causato questa condizione.
Oggi per Esempio sono stato decisamente meglio dolore al gluteo  polpaccio e sotto il piede solo dopo essermi alzato da sedere ma dopo pochi minuti svaniva quasi del tutto .Diciamo che da 1 a 10 dolore 2 sempre e nelle fasi più noiose 4-5.
Devo dire una cosa alla quale tutti i Dottori non danno peso 2 giorni fà non stavo bene dolore da 7 a 10 il tempo era brutto,ieri tempo bello stavo non bene ma meglio dolore5-6,oggi tempo sempre bello gli ho già detto che sono stato benino.Non è la prima volta che noto questi effetti.
Oggi il anche il gluteo destro si è fatto sentire,non in modo importante ma dolore era anche lì.
Ho provato a fare dei piegamenti in avanti toccando terra sento bruciare dal gluteo sx fino al tendine di Achille ma alzandomi passa quasi subito ho provato a fare degli scivolamenti verso dx sento dolore 2-3 a fondo schiena ma non ho dolore sul resto della gamba.Anche con dei piegamenti in dietro non ho problemi oggi potrebbe essere una giornata "anomala"meglio così.
Spero di poterla aiutare con queste "mie spiegazioni strane"cerco di raccontarle quello che sento.
Qualcuno mi ha detto che ormai il dolore si è cronicizzato ed io lo sento anche quando non cè,ma non è vero perchè oggi ci sono state ore che non l'ho sentito anche se ero intento ad ascoltarlo e la mattina prima di alzarmi da letto generalmente non cè quindi non dovrebbe essere un fattore psicologico.La ringrazio e le Auguro Buona Serata.Riccardo
« Ultima modifica: Febbraio 25, 2011, 11:14:30 am da rikibirikino »

Offline dr. Massimo Defilippo

  • Amministratore
  • utente leader
  • *****
  • Post: 1572
  • Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista
    • Fisioterapia Rubiera
Re: Protusioni e Metodo Mc kenzie
« Risposta #3 il: Febbraio 26, 2011, 07:09:31 pm »
Riccardo,
la situazione non è chiarissima, se il dolore non è costante e può essere alleviato da certe posizioni è un buon segno, ma dovrei sapere se sei stato visitato da un medico che ha provato a testare i riflessi, la sensibilità e la forza dell'arto inferiore, cosa che non posso fare da internet.
Il fatto è che non riesco ancora ad escludere completamente la compressione della radice nervosa da parte del disco intervertebrale.
Visto che sei bravo a scrivere i dettagli, prova a indicare esattamente la zona del dolore, dal gluteo al piede: parte interna o esterna della coscia, anteriore o posteriore, ecc.
Perchè il fisioterapista ti ha sconsigliato di mettere il piede sotto i glutei da seduto?
Se questo allevia i sintomi non lo scarterei assolutamente.
Riguardo al gluteo destro, oggi è la prima volta che fa male?

Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista

Offline rikibirikino

  • utente appena iscritto
  • *
  • Post: 6
Re: Protusioni e Metodo Mc kenzie
« Risposta #4 il: Febbraio 26, 2011, 11:48:39 pm »
Buona sera Dottore,Rispondo alle domande:Sono stato visitato dal Dott-fisioterapista riguardo ai riflessi sensibilità e forza e tutto è regolare Gamba destra e sinistra hanno le stesse risposte la stessa sensibilità e la stessa forza .Praticamente tutto ok.
Il fisioterapista diceva che secondo lui c'è una compressione alla radice nervosa visto che il dolore viene avvertito anche dal ginocchio in giù.
Il fisioterapista diceva che con la gamba sotto al gluteo,non era la postura giusta ma che dovevo stare con la schiena inarcata come se avessi un"D-roll" nella sedia .Con la postura "d-roll"riesco a starci pochi minuti poi mi stanco a volte mi crea dolore.
Una posizione che mi allevia il dolore è:seduto sulla sedia piegato in avanti appoggiando i gomiti sulla scrivania.
Il gluteo destro mi ha fatto male solo i primi 10 giorni poi tutto si è spostato a sinistra e solo ieri l'ho risentito a destra ed ancora oggi lo sento dolore 2 quasi sempre presente.
Il dolore parte dal gluteo sinistro e lo sento come se avessi una cicatrice interna al gluteo,e toccandolo profondamente trovo un punto dove premendo con insistenza il dolore aumenta e si sente dolore anche all'inguine,quando lascio il dolore continua per alcuni minuti diciamo 10 poi rimane al livello 2.Scende dentro la coscia in posizione anteriore e posteriore,Quindi lo sento sopra e sotto,sul polpaccio lo sento interno e posteriore e anche laterale spostato verso  sinistra.
Raramente sento anche dolore all'inguine gamba sx.
Quando il dolore aumenta diciamo 8-9 sento il muscolo anteriore della gamba come se fosse una pietra durissimo ugualmente sul polpaccio,sul gluteo sembra avessi all'interno una palla da tennis.Tutto questo è la senzazione che sento,se mi tocco, muscoli della gamba e del polpaccio e il gluteo,sono normalissimi non sono induriti è il dolore che me li fà sentire così.

Ho fatto caso al dolore e al tempo meteorologicamente parlando.Da giovedì stò meglio,ho sempre tutti questi dolori ma vanno attenuandosi,io non stò eseguendo nessun esercizio ed il tempo è buono.Comunque se mi piego o sollevo pesi da 7-8 kg il dolore si innalza molto,quindi diciamo che a riposo con tempo bello stò bene ma se carico la colonna è tutto come prima, dolore.
Spero di non confonderLa con tutte queste "strane indicazioni".
La Saluto e Le Auguro Buon fine settimana Riccardo Molte grazie.

Offline dr. Massimo Defilippo

  • Amministratore
  • utente leader
  • *****
  • Post: 1572
  • Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista
    • Fisioterapia Rubiera
Re: Protusioni e Metodo Mc kenzie
« Risposta #5 il: Febbraio 27, 2011, 12:52:12 am »
Riccardo,
tranquillo non mi confondi con tante informazioni, anzi, più info ho, più è facile che riesca ad aiutarti.
Secondo il mio modesto parere, il tuo fisioterapista ha insistito troppo con il lavoro in estensione e la postura che mantiene la lordosi lombare.
Se questo ti crea solo fastidio o non attentua nemmeno un po' i sintomi, è controindicato.
Molti terapisti mckenzie insistono con questo tipo di esercizi, che vanno bene nel 70/80% dei pazienti, ma non per tutti.
Nel tuo caso il lavorerei più in flessione, rotazione o inclinazione laterale.
La compressione del nervo a livello lombare darebbe:
  • Dolore lombare, che sembra non ci sia
  • Perdita di forza e sensibilità
  • Dolore costante solo lungo il decorso della radice nervosa interessata
  • Formicolio al piede costante
  • perdita dei riflessi

Alla luce di quello che affermi, credo si possa escludere che il dolore sia dovuto all'ernia del disco o al bulging.
Questo non significa che i dolori sono di provenienza muscolare, ma che l'irritazione del nervo è a livello del gluteo e dell'inguine.
Le radici nervose che causano dolore all'inguine e nella parte anteriore interna della coscia sono da L2 a L4, danno i sintomi lungo il decorso del nervo crurale.
Il dolore posteriore e laterale della coscia e a livello del polpaccio è causato dai rami del nervo sciatico, quindi in pratica, per avere entrambi, dovresti avere contemporaneamente una protrusione discale a due livelli che causa la lombosciatalgia e la lombocruralgia insieme.

Anche se l'irritazione nervosa è ad un livello più basso rispetto alla colonna lombare, non vuol dire che il mckenzie non sia efficace, anche se ci sono meno probabilità.

Ora le terapie possibili sono diverse, ovviamente tutte manuali perché con le macchine elettromedicali non si può eliminare un disturbo di tipo meccanico, ma non sò quali terapisti ci siano nella tua zona che possono aiutarti.

Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista

« Ultima modifica: Settembre 14, 2013, 12:16:50 pm da dr. Massimo Defilippo »

Offline rikibirikino

  • utente appena iscritto
  • *
  • Post: 6
Re: Protusioni e Metodo Mc kenzie
« Risposta #6 il: Febbraio 27, 2011, 12:34:12 pm »
Buon Giorno Dottore la ringrazio per la sua risposta molto Esauriente,penso che un pò di compressione del nervo a livello lombare ci sia perchè non sempre,ma a volte ho dolore lombare come ne parlavo sul primo post e lo sento anche sulle vertebre  in zona bassa penso L4-L5 .Comunque cercando ho trovato un Chiropratico che sembra risolvere molti casi di questo tipo,però fino a metà marzo non è disponibile a visitarmi.Spero di poter risolvere o almeno ridurre questo fastidio potendo ritornare a fare quello che facevo prima dell'infortunio.Cosa ne pensa un Chiropratico può risolvere un rompicapo del genere?

Ho visitato il link che mi ha indicato,ho trovato molte informazioni utili nelle quali mi riconosco .
La Ringrazio ancora e le Auguro Buona Domenica Saluti Riccardo

Offline dr. Massimo Defilippo

  • Amministratore
  • utente leader
  • *****
  • Post: 1572
  • Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista
    • Fisioterapia Rubiera
Re: Protusioni e Metodo Mc kenzie
« Risposta #7 il: Febbraio 27, 2011, 03:59:30 pm »
Riccardo,
purtroppo si fa sempre confusione quando si parla di ernia del disco.
La protrusione, ernia o bulging lombare significa comprimere il nervo sciatico o crurale, ma questa pressione raramente provoca dei sintomi.
Quasi tutti hanno un ernia del disco o protrusione discale, ma pochi sviluppano una lombosciatalgia.
Il dolore lungo il gluteo, la coscia, la gamba, può avere tante origini, tra le quali la sciatalgia, ma per affermare che la causa è la compressione del nervo bisogna che siano presenti tutti i sintomi di cui abbiamo parlato all'inizio della discussione: perdita di riflessi, di forza e sensibilità, dolore e formicolio fino al piede.
Le radici del nervo sciatico seguono una traiettoria ben precisa, se il dolore è esterno a quest'area non si tratta di compressione della radice nervosa da parte del disco intervertebrale.

Detto questo, la chiropratica può risolvere il problema, è bello quando ti scrocchiano le vertebre e in pochissimo tempo il dolore sparisce o si attenua molto, però bisogna che il professionista sia molto bravo per evitare che riacutizzi l'infiammazione.
L'altro neo della chiropratica è che spesso il dolore ritorna a distanza di un periodo variabile, alcune volte sono 2 mesi, altre volte si ripresenta dopo 2 settimane.
La manipolazione vertebrale agisce sulle articolazioni e sulle vertebre, se si rimette in asse la colonna vertebrale senza agire sui muscoli, tendini e legamenti, è facile che la colonna ritorni "storta" dopo un po' di tempo perché i tessuti molli sono disequilibrati e trazionano le ossa da una parte.
Una terapia efficace a lungo termine unisce le tecniche miotensive, miofasciali e di energia muscolare alle tecniche di Thrust (manipolazione vertebrale).

Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista

Offline rikibirikino

  • utente appena iscritto
  • *
  • Post: 6
Re: Protusioni e Metodo Mc kenzie
« Risposta #8 il: Marzo 02, 2011, 01:45:51 pm »
Buon giorno Dottore Grazie del suo consiglio il ragionamento fila poi bisognerebbe provare per sapere se il trattamento risolve o non risolve oppure torna o non torna.Quindi ho seguito il suo consiglio e ho disdetto l'appuntamento.
L'inail andando a rinnovare il certificato mi ha proposto di andare in un loro centro fisioterapico molto rinomato qui da noi,è un pò distante,rimarrei lì per una settimana e al bisogno due,ritornando a casa sabato e domenica.Quindi ho optato per questa soluzione  visto che sono loro a offrirmela e nel momento sono alle loro dipendenze.Stò aspettando la loro chiamata.
Le farò sapere in seguito com'è andata,nel frattempo i dolori sono di intensità ridotta anche se sono sempre presenti.
La ringrazio e le Auguro Buon lavoro Riccardo.

Offline dr. Massimo Defilippo

  • Amministratore
  • utente leader
  • *****
  • Post: 1572
  • Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista
    • Fisioterapia Rubiera
Re: Protusioni e Metodo Mc kenzie
« Risposta #9 il: Marzo 03, 2011, 12:10:51 am »
Riccardo,
scusa, ma forse non mi sono spiegato bene, non credevo di aver scritto di disdire l'appuntmento.

L'inail ti ha proposto una/due settimane di permanenza come un ricovero in un centro di fisioterapia? Immagino una riabilitazione estensiva ...!

Non sapendo cosa ti faranno, faccio fatica a esprimermi in merito, al termine dimmi cos'avete fatto.

Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista

Offline rikibirikino

  • utente appena iscritto
  • *
  • Post: 6
Re: Protusioni e Metodo Mc kenzie
« Risposta #10 il: Marzo 03, 2011, 05:33:32 pm »
Salve Dottore non mi aveva consigliato di disdire l'appuntamento è vero,ma non piaceva neppure a me l'idea di farmi scricchiolare le ossa quindi è stata la mia decisione disdirlo.Ho sentito dei pazienti,spesso ci tornano quindi non è risolutivo il modo.
Al centro non sò cosa facciano quindi non saprei dirle,quando torno Le farò sapere.Non sono molto convinto ad andare perchè i dolori si stanno attenuando molto,solo le anche fanno un pò male,il dolore su gluteo gamba e polpaccio e quasi un fastidio leggero non un vero e proprio dolore e l'idea di stare fuori non mi quadra,comunque devo risolverlo questo problema quindi devo andare per forza. La saluto e le Auguro buon lavoro 1000 grazie Riccardo