Autore Topic: dolore altezza coste senza diagnosi  (Letto 4469 volte)

Offline magia

  • utente appena iscritto
  • *
  • Post: 2
dolore altezza coste senza diagnosi
« il: Novembre 24, 2011, 10:56:40 am »
Salve a tutti, vi scrivo perche sono davvero in crisi e nessun medico sa spiegarmi il motivo del mio problema. Sono ormai quasi 5 mesi che accuso un dolore all'altezza delle coste sotto il capezzolo, sento fastidio solo sfiorando la pelle acerbato dalla pressione generalmente in un punto specifico. Ho fatto rx torace, rx per coste, due eco muscolo tendinee e un eco addome completo, tutto nella norma!!!
Il medico di famiglia dice che non e' nulla, dice che devo sopportare  e passera' (allucinante!!!!) mentre la dermatologa ritiene si tratti di una sintomatologia imputabile a herpes zoster astintomatico.
Premetto che circa 3 settimane fa ho avuto un febbrone strano senza mal di gola, raffreddore, sparito con la tachipirina e circa una settimana prima ho avuto una specie di eritema durato fino alla scomparsa della febbre che io pero ho pensato fosse dovuto al muscoril che applicavo localmente.
Il dolore e' solo dalla parte di sinistra.
Faccio presente che sono seguita da un fisioterapista e fisiatra per un problema di sindrome da conflitto subacromiale che ormai ho risolto!!! Adesso sto cominciando la posturale.
Il dolore e' a fitte, alle volte esacerbato da una profonda respirazione, ma il fastidio e' continuo e siccome mi accompagna tutto il giorno mi sfianca, e sono a pezzi. Premetto che sto sempre al pc per lavoro, non so se questo possa servire.
Sono disperata credetemi.. Avete qualche idea in merito? Sapete darmi qualche consiglio?
« Ultima modifica: Maggio 10, 2014, 04:16:52 pm da dr. Massimo Defilippo »



Offline dr. Massimo Defilippo

  • Amministratore
  • utente leader
  • *****
  • Post: 1572
  • Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista
    • Fisioterapia Rubiera
Re:dolore altezza coste senza diagnosi
« Risposta #1 il: Novembre 27, 2011, 03:54:46 pm »
magia,
è possibile che il tuo dolore sia di tipo muscolo scheletrico, ovviamente non mi pronuncio sulla causa dermatologica che non è il mio campo, ma facciamo l'ipotesi che dipenda da una costola o dalla clavicola.
Se hai conflitto subacromiale significa che qualcosa ha causato il restringimento dello spazio tra acromion e omero, può essere un disturbo muscolare dei romboidi, dell'elevatore della scapola, del sottospinato ecc.
E' facile che ci siano delle vertebre bloccate tra T1 E T6, ovvero la prima e la sesta vertebra toracica.
Il dolore cutaneo è generalmente inferiore di alcuni livelli rispetto al blocco, quindi io mi concentrerei sulla prima o la seconda costola.
Io mi concentrerei sulla cervicale e le prime vertebre dorsali, non so cosa ti hanno fatto per risolvere il conflitto subacromiale, ma credo che i due disturbi siano collegati più di quanto si possa pensare.
Se una vertebra è bloccata allora la costa di riferimento è anch'essa condizionata.
Va benissimo la postulare, ma aggiungerei anche una manipolazione muscolare.

Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista
« Ultima modifica: Maggio 10, 2014, 04:18:40 pm da dr. Massimo Defilippo »

Offline magia

  • utente appena iscritto
  • *
  • Post: 2
Re:dolore altezza coste senza diagnosi
« Risposta #2 il: Novembre 28, 2011, 10:54:52 am »
La ringrazio moltissimo per la risposta. A che tipo di manipolazione muscolare fa riferimento?
Glielo chiedo perche' purtroppo sono alquanto ignorante in materia (chiropratico? kinesiologo?).
La ringrazio moltissimo per l'attenzione, aspetto ansiosa un suo cortese riscontro per attivarmi immediatamente.
Cordiali Saluti

Offline dr. Massimo Defilippo

  • Amministratore
  • utente leader
  • *****
  • Post: 1572
  • Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista
    • Fisioterapia Rubiera
Re:dolore altezza coste senza diagnosi
« Risposta #3 il: Dicembre 11, 2011, 03:58:25 pm »
Magia,
non posso fare una lesione di manipolazioni sul forum, troverai sicuramente nella tua zona un massaggiatore o un osteopata che sono in grado di rilassare i muscoli.
Il chiropratico è ottimo, ma la durata del beneficio è limitata nel tempo.

Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista