Fisioterapia per tutti

Distorsione caviglia: legamento PAA irritato

Distorsione caviglia: legamento PAA irritato
« il: Novembre 13, 2017, 02:26:42 pm »
A seguito di una distorsione in inversione alla caviglia verificatasi quasi quattro anni fa, mi è stata diagnosticato un inspessimento del legamento peroneo astragalico anteriore per esiti distrattivi stabilizzati, come confermato dalla risonanza magnetica eseguita con un apparato a 3 tesla il mese scorso.

La caviglia è tornata alla quasi normalità già pochi mesi dopo l'infortunio, senza che abbia mai sentito alcun dolore o instabilità durante l'attività fisica, ad eccezione di una fastidiosa irritazione cronica nella zona del legamento PAA, avvertibile quasi esclusivamente da fermo.

In occasione di lavori domestici o esercizi di stretching che hanno sollecitato particolarmente la parte interessata, talvolta il fastidio scompare del tutto per giorni o settimane, dando l'impressione che determinati sforzi apportino immediato beneficio alla parte affetta dal problema.

L'ortopedico ha attribuito la problematica ai recettori nervosi della parte interessata, suggerendo di seguire un apposito programma di fisioterapia.

Per quanto possibile tramite internet, gradirei un parere medico, magari sulla base di casi simili trattati e sulla eventuale possibilità che il disturbo scompaia col tempo e l'ausilio dell'attività fisica.

Saluti e grazie.
« Ultima modifica: Novembre 13, 2017, 02:29:12 pm da mark »

Online dr. Massimo Defilippo

  • *****
  • 1571
  • Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista
    • Fisioterapia Rubiera
Re:Distorsione caviglia: legamento PAA irritato
« Risposta #1 il: Novembre 14, 2017, 12:10:49 am »
Mark,
l'attività fisica ha un effetto benefico sul corpo e sulle infiammazione, infatti stimola la circolazione sanguigna e quindi previene le congestioni di sangue e altri liquidi.
Sicuramente ti consiglio di continuare a fare attività fisica.

Quello che mi hai descritto somiglia ad un algodistrofia, è una parola complicata che non significa quasi niente, ma i pazienti dopo un infortunio possono avere un dolore cronico.
Se non ci sono altri problemi che possono causare questo disturbo, la magnetoterapia può essere una terapia indicata per l'algodistrofia.
Tuttavia devi chiedere al medico se concorda e se hai controindicazioni, sai senza vederti faccio solo delle ipotesi.
Se non bastasse, credo che un osteopata possa sbloccarti le articolazioni. Dopo una distorsione, la prima cosa che faccio sono delle manipolazioni.



Re:Distorsione caviglia: legamento PAA irritato
« Risposta #2 il: Novembre 16, 2017, 12:46:05 am »
Dottore grazie della risposta.

Il medico nella sua relazione, per descrivere quanto riscontrato durante la visita parla di algia.

Nel timore che ci fosse una rottura del legamento, mi era stata consigliata astensione dal carico e un tutore bivalve, prescrizione che ho seguito alla lettera per circa 4 settimane. Alla fine di questo periodo sentivo la caviglia letteralmente come se fosse un pezzo di legno quando provavo una camminata veloce.

L'immobilità è stata sicuramente inutile e dannosa, in quanto a soli quattro giorni dall'evento, a causa di un'emergenza mi sono visto costretto a far le scale di corsa senza le stampelle, rendendomi conto di non aver alcun fastidio o dolore.

A rallentare il processo di guarigione è anche la sedentarietà e mancanza di attività fisica che, visto il perdurare del problema descritto, vorrei iniziare seriamente solo adesso.

A tratti durante determinati manipolazioni forzate del piede o durante una breve corsetta, si avverte la sensazione piacevole che sia ha quando si muove un arto rimasto troppo a lungo fermo.

Possibile che a distanza di quasi quattro anni parte dell'articolazione sia ancora bloccata e che l'attività quotidiana del camminare, pur se minima, non la abbia sbloccata ?

Online dr. Massimo Defilippo

  • *****
  • 1571
  • Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista
    • Fisioterapia Rubiera
Re:Distorsione caviglia: legamento PAA irritato
« Risposta #3 il: Novembre 16, 2017, 02:29:45 pm »
Mark,
effettivamente, dopo 4 anni non possiamo essere sicuri che la causa sia quella.
In ogni caso io sono contrario all'immobilizzazione, abbiamo un corpo che ha dei "pezzi di riserva" e li può sfruttare.
Mi spiego meglio, se rompi un muscolo, ce ne sono altri che possono svolgere il suo compito.
Idem per i legamenti, si rompe il peroneo-astragalico-anteriore, ci sono altri legamenti e tendini che possono stabilizzare la caviglia, quindi non ti preoccupare.
Ora, la rieducazione propriocettiva sarebbe il top, provo ad allegarti un video.

https://youtu.be/GrdHUS0T_2A

« Ultima modifica: Novembre 16, 2017, 02:32:34 pm da dr. Massimo Defilippo »