Fisioterapia per tutti

Artrosi dell'anca

Artrosi dell'anca
« il: Gennaio 09, 2012, 11:20:42 am »
Gentile
Dott. De Filippo,

mia madre, 77anni, è affetta da artrosi dell'anca in forma medio/grave, il problema sussiste nel fatto che, essendo affetta anche da altre patologie quali ipotonia muscolare dovuta a un adenoma della paratiroide e deformazione dei piedi (piede suino), non è in grado di fare la riabilitazione post intervento per la protesi dell'anca, avendo già ora un equilibrio precario. Detto questo, quali sono le cose in concreto che potrebbero aiutarla ad andare avanti, e le infiltrazioni di acido ialuronico ogni quanto tempo possono essere eseguite?

Cordiali saluti
« Ultima modifica: Maggio 10, 2014, 04:06:18 pm da dr. Massimo Defilippo »

Offline simone

  • ***
  • 125
Re:Artrosi dell'anca
« Risposta #1 il: Gennaio 10, 2012, 05:57:55 pm »
gentile sig Alek se vuole intanto le rispondo io come medico e massaggiatore  nel suo caso penso che l'elettrostimolazione passiva eseguita con un buon elettrostimolatore possa alleggerire un po il problema anche perchè lei sa meglio di me che se dopo una protesi non si tonifica la muscolatura si rischia di dover rimetterci le mani per l'instabilità che si viene a creare.per quanto riguarda l'infiltrazione di acido jaluronico su una protesi completa non ha  senso.dr simone

Re:Artrosi dell'anca
« Risposta #2 il: Gennaio 10, 2012, 07:33:19 pm »
Salve simone,
mi sono espresso male. Mia madre non può subire l'interverto per la protesi all'anca per i su citati motivi, in merito a questo chiedevo cosa concretamente possa fare per tirare avanti.  Grazie
« Ultima modifica: Maggio 10, 2014, 04:06:47 pm da dr. Massimo Defilippo »

Offline simone

  • ***
  • 125
Re:Artrosi dell'anca
« Risposta #3 il: Gennaio 11, 2012, 10:05:43 am »
in questo caso l'infiltrazione ecoguidata di acido jaluronico ad alto peso molecolare potrebbe esserle di giovamento fermo restando che della stimolazione passiva dei muscoli  o con il massaggio o con l'elettrostimolatore è necessaria per poterla mettere in piedi il prima possibile onde evitare conseguenza più spiacevoli quali le piaghe da decubito.dr simone