Fisioterapia per tutti

Cellulite e ritenzione idrica

Cellulite e ritenzione idrica
« il: Marzo 20, 2010, 12:00:44 am »
Salve a tutti,
sò che la fisioterapia è utile per la cellulite e la ritenzione idrica, al centro di fisioterapia in cui lavoro ci sono delle pazienti che soffrono di questo problema, non solo per l'aspetto esteriore, ma anche per la pesantezza delle gambe e a volte per il dolore.
Io eseguo il linfodrenaggio manuale con risultati discreti, ma non risolutivi e non posso praticarlo su tutti i pazienti.
Potete consigliarmi delle terapie più efficaci?

grazie

Online dr. Massimo Defilippo

  • *****
  • 1552
  • Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista
    • Fisioterapia Rubiera
Re: Cellulite e ritenzione idrica
« Risposta #1 il: Marzo 20, 2010, 11:24:31 am »
Guaritrice,
La fisioterapia serve per migliorare la qualità della vita, eliminare il dolore e ridare al paziente le capacità e l'abilità di svolgere le attività che faceva prima della lesione o della comparsa del dolore.
Spesso ci si imbatte in pazienti che vogliono stare bene, ma anche migliorare l'aspetto estetico, come quelli che fanno fisiokinesiterapia per il ginocchio, ma anche per dimagrire.
Il confine tra ripresa della funzionalità e benessere a volte è veramente molto sottile.

Detto questo, il linfodrenaggio manuale è forse la tecnica più antica per cellulite e ritenzione idrica, ma non per questo è superato.
Oggi si usano molto anche le macchine, in particolare la Pressoterapia e la Tecar® , la prima consiste nel far indossare al paziente del gambali che si gonfiano con l'aria esercitando una pressione sull'arto inferiore che spinge i liquidi verso il cuore.
La Tecar terapia® , invece, agisce sulla circolazione aumentando l'assorbimento dei liquidi e favorendo il ritorno venoso e linfatico.

Se si opta per le macchine, è necessario "aprire" le stazioni linfonodali manualmente prima della terapia per evitare dei blocchi o delle congestioni in certe regioni corporee.

I risultati sono ottimi se la cellulite è di primo o secondo grado, mediocri per il terzo e quarto grado.
Non esiste una terapia risolutiva, ma se si eseguono due cicli all'anno, in primavera e alla fine dell'estate/inizio autunno si riescono a mantenere le gambe più leggere per tutto l'anno.
La circolazione tende a peggiorare in primavera ed estate a causa del caldo, quindi non conviene svolgere queste terapie in inverno.

Spero di esserti stato utile

Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista
« Ultima modifica: Settembre 03, 2011, 09:07:58 pm da dr. Massimo Defilippo »

Re: Cellulite e ritenzione idrica
« Risposta #2 il: Marzo 27, 2010, 11:15:32 pm »
Salve a tutti,
Sono nuovo del forum e mi presento, sono un fisioterapista di Riccione e lavoro anche per le terme.
Io vedo buoni risultati con il percorso vascolare, cioè camminare in una piscinetta calda e poi in una fredda per 20 minuti.
Io ho tante pazienti che vengono appena arriva l'estate perchè il caldo tende a far gonfiare gli arti inferiori dato che peggiora la circolazione sanguigna.
Per ritenzione idrica e cellulite ai primi stadi la consiglio.


Re: Cellulite e ritenzione idrica
« Risposta #3 il: Marzo 28, 2010, 11:17:16 am »
Le signore con la cellulite di 4° grado dovrebbero rassegnarsi.
Le giovani invece fanno bene a curarsi con il linfodrenaggio manuale, presso-terapia e percorso vascolare come dicevi giustamente tu, Errani.
Tutte le mie pazienti mi chiedono cosa dovrebbero fare prima di andare al mare, perchè non vorrebbero avere la pelle a buccia d'arancia o i polpacci e le cosce troppo grosse.
Loro credono che ci sia la cura per tutto, io rispondo che dovrebbero innanzitutto curare l'alimentazione e fare attività fisica.
Se mangiare meglio e fare sport non basta allora possono provare le cure, ma se dopo aver fatto la pressoterapia si rimpinzano di merendine, biscottini e cioccolata, è inutile che vengano a prendersi in giro.

Online dr. Massimo Defilippo

  • *****
  • 1552
  • Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista
    • Fisioterapia Rubiera
Re:Cellulite e ritenzione idrica
« Risposta #4 il: Luglio 07, 2014, 04:09:27 pm »
prova