Fisioterapia per tutti

Ernia L5-S1

Ernia L5-S1
« il: Gennaio 15, 2018, 06:02:22 pm »
Buongiorno a tutti, é il mio primo post sul forum

Ho 40 anni e da circa 5/6 mesi ho scoperto (con dolore) di avere un'ernia L5-S1. Il problema si é manifestato con un forte dolore al gluteo al polpaccio, comparso dopo una sessione di pesi.
In questi 5/6 mesi ho provato e sto provando un pó di tutto: come prima cosa mi sono messo nelle mani di un ortopedico, che ha verificato la mia patologia tramite risonanza. Sono seguite sedute di fisioterapia, che sto continuando (fisioterapia standard + sedute di gyrotonic) e circa un mese e mezzo di antidolorifici (voltaren 50mg) insieme a 150mg di Pregabalin al giorno (sono ancora a 50 mg).
In questi periodo, a parte il dolore nella gamba destra, il problema piú grande é sempre stato quello di rimanere seduto:
all'inizio era veramente terribile, poi é migliorato, al punto che sono comunque riuscito a godermi le feste natalizie stando a tavola con i miei (sembra ridicolo ma per me é stata una gran cosa) e guidare (anche se per brevi tratti)

Prima di andare avanti alcune precisazioni: lavoro e vivo in Germania, non parlando tedesco il dialogo con i medici é
a volte complicato. Lavoro praticamente sempre in piedi, per abitudine e per il problema scritto sopra (abbiamo delle
scrivanie che si alzano elettricamente)

Sta di fatto che sono vittima di continue ricadute ed a questo punto sono piuttosto confuso:ho seguito i consigli dell'ortopedico e in questi mesi ho comprato un elettrostimolatore da usare per alleviare il dolore ed una fascia lombare.
Da quando é iniziato il problema ci vediamo regolarmente ogni 2 settimane per iniezioni (sulla zona lombare) di Prednisolon 10mg e Meaverin 0.5% 2ml. Queste iniezioni, dopo qualche ora, mi provocano fortissimi dolori che a detta
del medico sono dovute all'azione anti infiammatoria dei liquidi sui dischi.
La cosa che mi lascia piú perplesso é che il medico mi ha piú volte chiesto se avessi bisogno dell'operazione,
quando fino ad ora non ho mai avuto problemi come perdita di sensibilitá, debolezza, formicolii (parlo della gamba)
Ovviamente farei di tutto per guarire ma ho anche letto che l'operazione potrebbe peggiorare il tutto e di sicuro non
devo proporla io!

Recentemente ho anche visto un neurologo: ha controllato la risonanza, fatto i (brevi) test del caso ed ha detto che
per lui, per come sto messo, qualche seduta di fisioterapia "all'occorrenza" é piú che sufficiente. Vi lascio poi immaginare
la sua reazione quando gli ho parlato dell'operazione e dell'atteggiamento dell'ortopedico.

Durante tutto questo periodo ho continuato ad allenarmi in palestra stando mooooolto attento (alcuni esercizi sono stati
esclusi) trovando spesso solo benefici, anche su consiglio degli stessi fisioterapisti.

Ieri il dolore si é di nuovo acuito e da stamattina (bruciore lungo la gamba, tensione continua al polpaccio, sensazione di crampi), dopo l'ennesima serie di punture, é insopportabile e quasi invalidante.
Mi sento molto confuso e piuttosto disperato al momento: so che qui non posso trovare la soluzione ai miei problemi ma spero almeno di trovare dei consigli. So che cose del genere richiedono tempo ma vorrei almeno tornare a vivere una vita normale.

Se utile posso linkare il risultato della risonanza.

Online dr. Massimo Defilippo

  • *****
  • 1566
  • Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista
    • Fisioterapia Rubiera
Re:Ernia L5-S1
« Risposta #1 il: Gennaio 16, 2018, 02:15:24 am »
Onizeta,
senza vederti ovviamente mi baso su quello che hai scritto e sulla visita del neurologo.
Se non hai i sintomi nervosi, riesci a sollevare le punte dei piedi e non hai incontinenza, non ci sono le indicazioni per l'intervento.
Le terapie che io farei sono nell'ordine:
1) Sedute di osteopatia, potresti avere dei trigger point attivi,
2) Eventuali manipolazioni fisioterapiche sempre sui trigger point oppure a livello fasciale,
3) Esercizi Mckenzie,
4) Attività fisica blanda quotidiana regolare, sembra banale, ma se hai una vita sedentaria (troppo seduto o troppo in piedi fermo), la circolazione sanguigna è bloccata. Bisogna riattivarla.
Due passeggiate al giorno di circa mezz'ora sono sufficienti. Questo lo puoi fare a prescindere.
Spero di esserti stato utile



Re:Ernia L5-S1
« Risposta #2 il: Gennaio 16, 2018, 11:43:03 am »
La ringrazio molto per la risposta.
No, non riscontro i problemi riportati sotto. La mia attivitá fisica, per quanto limitata dai miei problemi,
é continua e la mia forza non é calata (anche nelle gambe)
Cerco di abbinare il lavoro in palestra ad attivitá cardio (cyclette o tappetto, ovviamente solo camminata media/veloce)
A parte il dolore, che é piú o meno intenso, il problema rimane non riuscire a rimanere seduti.
L'ortopedico mi ha consigliato di evitare sedute osteopatiche in quanto non efficaci, ma io posso dire che in passato
mi sono rivolto diverse volte ad osteopati per problemi di altro genere e ne ho sempre ricavato benefici (seppur minimi)
A questo punto chiederó anche il parere di un altro ortopedico.
Ieri, dopo le due iniezioni di anti infiammatorio, ho sofferto come un cane per quasi 9 ore e neanche un antidolorifico ha aiutato.

Online dr. Massimo Defilippo

  • *****
  • 1566
  • Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista
    • Fisioterapia Rubiera
Re:Ernia L5-S1
« Risposta #3 il: Oggi alle 01:15:49 am »
Onizeta,
Bravo, l'attività fisica è fondamentale, anche l'alimentazione è importante.

Per le infiltrazioni, si è normale, all'inizio molti pazienti mi dicono che fa più male.